La Temperatura

Che cos'è la temperatura dell'aria? La previsione meteo della temperatura. Le scale di misurazione della temperatura.

La temperaturaIl concetto di temperatura dell'aria è facile da comprendere, infatti basti pensare alla sensazione che ci fa dire che un corpo è freddo o caldo quando lo tocchiamo o quando ci avviciniamo ad esso.

La previsione della temperatura dell'aria, ha avuto sempre molta importanza per l'uomo, perchè la temperatura influenza sia il benessere fisiologico dell'uomo sia la nascita e lo sviluppo di piante e animali.

 

Se consideriamo la temperatura dell'aria in prossimità del suolo terrestre, è il fenomeno meteorologico che ha minor importanza per la previsione del meteo. Infatti il valore della temperatura sul suolo terrestre, è influenzato da molti fattori come l'insolazione, la vegetazione, se siamo in un centro abitato, la latitudine, l'altezza sul livello del mare del luogo e molti altri. Questo significa che la temperatura può variare da luogo a luogo a prescindere dalle differenti condizioni atmosferiche, ma può variare appunto per diversi fattori che non sono presenti allo stesso modo in luoghi differenti.

 

Lo strumento con il quale viene misurata la temperatura dell'aria è il termometro che può essere di varie tipologie ovvero il termometro a mercurio, ad alcool o metallico.

 

E' importante considerare la relazione che c'è tra la temperatura e l'altitudine, infatti sappiamo che nell'atmosfera il calore viene fornito principalmente dalla superficie terrestre, quindi il riscaldamento proviene dal basso, e ne consegue che la temperatura diminuisce con l'aumentare dell'altitudine, proprio perchè ci si allontana dalla maggiore fonte di calore rappresentata dal suolo. Per questo ogni 100 metri di altezza, la temperatura diminuisce di circa 0,65°C, almeno considerando la prima parte dell'atmosfera.

 

Come abbiamo visto, la temperatura dell'aria varia da luogo a luogo, e per questo è difficile dare un'indicazione precisa circa la previsione della temperatura in una determinata località, ma alcuni aspetti consentono di stimare se la temperatura ha tendenza al rialzo o alla diminuzione.

Per esempio la presenza del vento ci può fornire indicazioni sulla variazioni della temperatura che dipendono dalla provenienza delle masse di aria, infatti se il vento proviene da quadranti meridionali si avrà un aumento della temperatura, mentre se il vento proviene da quadranti settentrionali si avrà una diminuzione della temperatura.

Per misurare la temperatura si utilizzano diverse scale di misurazione:

 

1) La Scala Kelvin (°K) dove la temperatura dello zero assoluto è posta a 0° K, il punto di fusione del ghiaccio è posto a 273,15° K e infine il punto di ebollizione dell'acqua è posto a 373,15° K.

 

2) La Scala Réaumur (°R) ideata dal fisico francese René Antoine Ferchault de Réaumur. Il punto di fusione dei ghiaccio era posto a 0°R e quello di ebollizione dell'acqua a 80°R. Questa scala è ormai in disuso anche se è possibile trovarla su vecchi termometri a muro di fattura francese.

 

3) La Scala Fahrenheit (°F) ideata dal fisico tedesco Daniel Gabriel Fahrenheit. In questa scala si è convenuto di far coincidere 32°F con il punto di fusione dei ghiaccio e 212°F con quello di ebollizione dell'acqua. Questa scala è tuttora di uso comune in molti paesi soprattutto in quelli anglosassoni ed oggi ancora ufficialmente usata negli Stati Uniti.

 

4) La Scala Celsius (°C) o centigrada, prende il nome dal fisico svedese Anders Celsius, dove i punti di fusione del ghiaccio e di ebollizione dell'acqua sono rispettivamente posti a 0° C e a 100°C.