In Australia arriva Narelle e uno tsunami di sabbia

Il primo ciclone tropicale del 2013 colpirà le coste occidentali australiane entro il 12 Gennaio. Il suo nome è Narelle e nasce come debole depressione nel Mar di Timor il 5 gennaio a circa 160 km a Sud-Est di Dili (capitale di Timor Est) e si è rafforzato nei giorni successivi fino a raggiungere martedì il rango di ciclone tropicale.

Esso è definito come ciclone tropicale di categoria 3, con venti compresi tra i 170 e i 200 km/h, con raffiche fino a 240 km/h, Narelle si dirige velocemente verso Sud-Ovest e, forse, raggiungerà categoria 4. È allarme lungo le coste australiane, Narelle dovrebbe colpire le coste del Western Australia, con venti oltre i 100 km/h sulla Contea di Roebourne, ma le raffiche si intensificheranno ulteriormente nelle ore successive verso Sud (a North West Cape potranno raggiungere anche i 150 km/h). Il centro del ciclone resterà lontano dalle coste e le raffiche più violente interesseranno il mare aperto con venti fino a 250 km/h!

 

Stretti da un lato dagli incendi e dall’altro dal ciclone tropicale “Narelle”, gli australiani se la sono dovuta vedere anche con un mostruoso tsunami di sabbia, dalle dimensioni e aspetto apocalittici. Alcune immagini sono state scattate da una barca e dai passeggeri di un volo nei pressi della città di Onslow, nel nord-ovest dell’Australia: esse mostrano cumuli di sabbia rossa e polvere sospinti da forti venti che dall’Oceano Indiano li hanno portati fino all’Australia, precedendo di qualche ora l’arrivo del ciclone “Narelle”. I due fenomeni meteorologici tuttavia non sarebbero correlati, dato che l’epicentro di “Narelle” si trova ancora a 600 chilometri di distanza: la sabbia (che in questi casi può formare un “muro” alto fino a tre chilometri), sarebbe stata sollevata da forti venti provenienti dall’Oceano Indiano, complice anche l’ondata di calore che ha favorito l’aridità del suolo.

Altre Notizie Meteo Correlate

Missione Operation IceBridge della Nasa: spaccatura di 30 km sul ghiacciaio Pine Island

Durante la missione Operation IceBridge della NASA, alcuni scienziati hanno scoperto un’enorme spaccatura di circa ...

Il maltempo rende l’aria più pulita

Questa primavera è molto piovosa, gioca con la nostra voglia di ...

Terremoto in Emilia Romagna

Fino a qualche giorno fa la Pianura Padana non era considerata zona sismica. Eppure ...

Sequestrate a Goa, in India, sedie a sdraio perché infastidiscono le tartarughe

A Goa, il più piccolo Stato dell’India, è scattato il ...

Un cambio di circolazione atmosferica alla base dello scioglimento record: global warming?

Minimo record di estensione dei ghiacci marini raggiunto. È successo lo scorso ...

Record di piogge nel Regno Unito

Il Regno Unito sta diventando celebre per la sua media pluviometrica, attestata a quota 121.8 ...